Non so.

Non so che fare di questo blog. Un blog nato due estati fa perché cercando in rete esperienze di famiglie allargate non trovavo nulla: qualche blog abbandonato, pochi articoli interessanti, nessun vissuto simile al mio, e io avevo un indispensabile bisogno di esorcizzare le mie paure, di sapere che qualcuno stava vivendo qualcosa di simile, che ce la si poteva fare, e possibilmente anche bene.

Abbiamo iniziato in due, lui più per farmi sentire la sua partecipazione a una cosa per me importante, perché di base è sempre stato molto più sicuro di me, più positivo riguardo alla nostra famiglia.

Perché di famiglia si tratta? Siamo una famiglia noi?

Se lo chiedessi agli amici comuni, ai nostri parenti, a chi ci vuole bene e vive la nostra faticosa ma determinata quotidianità, penso che risponderebbero tutti di sì, senza alcun dubbio. E anche una bella famiglia.

Siamo tutti e cinque carini, siamo anche simpatici, ognuno a modo suo, i bambini sono tutti diversi ma straordinariamente dotati, chi per il ballo, chi per la scienza, chi per il disegno e l’arte in generale, siamo spiritosi e con noi si ride sempre.

E quindi?

Quindi io vivo di dubbi. Vivo di paure. Ora lo so. E in questi mesi mi sono chiesta se questo blog non sia -sempre stato? o solo ultimamente?- un modo per raccontarmela, per convincermi che va tutto bene e che tutto è nella mia mente, non c’è nessuna minaccia quando siamo tutti insieme, non ci sono problemi importanti, grazie al Cielo, o a noi.

Allora forse va bene che io lo tenga in vita, perché è una sorta di autoanalisi che faccio ogni volta che scrivo, in attesa di capire bene il perché di tante cose.

Tanto per cominciare perché ogni volta che dobbiamo vederci tutti e cinque io entri in fibrillazione, e se questa convivenza dura tre mesi come la scorsa estate, io mi ammali, tanto che alcuni valori sballano talmente tanto che da un massimo di 200 io arrivi a 10000, per dire, e viva con l’ansia di non farcela, di non sopportare nessuno, con la sensazione di essere chiusa in una gabbia in compagnia di leoni affamati.

Miracolosamente, dopo che torno alla mia vita qui nella mia città, comincio a sentirmi meglio, e mi accorgo che il mio corpo riprende a funzionare, non c’è bisogno di risonanze magnetiche, di ulteriori analisi, che confermino che non solo non ho nulla, ma che sto proprio bene. Quel valore è sceso addirittura ai limiti bassi nel giro di due mesi. Fate voi.

Adesso ho capito che il problema è solo nella mia mente, che devo fare un lavoro molto profondo, e probabilmente lungo, per capire cosa mi accade, quali radici ha (sicuramente lontane), quali corde vanno a toccare i bambini, (la famiglia in generale?), cosa scatta in me che mi porta a cercare solo la fuga quando siamo insieme.
A volte mi sento un mostro, e non riesco a perdonarmi, perché in quei momenti soffro io, ma soffre anche il mio uomo, il mio compagno di vita, la persona meravigliosa che mi sta accanto e che è la mia forza. Da lui ho solo amore, un amore puro e senza riserve, come da questi bambini, che per fortuna riesco a preservare dalla me che divento in quei momenti, e che mi vogliono bene, mi ammirano, desiderano stare con me e pensano che io sia una bella persona.

Non so che fare di questo blog. Forse scriverò ancora cercando di essere più sincera nei confronti di me stessa e delle sensazioni, a volte orribili, che provo. Forse scriverò del mio percorso e di cosa verrà fuori.

Ma ancora non lo so, e per stasera penso che possa bastare.

Auguri di cuore a tutti voi.

Natale 2015_0041

 

 

 

Annunci

41 pensieri su “Non so.

  1. Prima di tutto auguri cari, spero che questi giorni d festa ti portino serenità. Mi dispiace sentire le tue paure, ascoltare le tue ansie, c’è da dire che tutte le scelte coraggiose comportano dei momenti di riflessione e a volte di ansia. Sucede a tutti. Continua a tenerlo il blog, scrivi le tue perplessità le tue paure, le tue gioie, i tuoi momenti felici. Condividere, anche virtualmente, queste sensazioni secondo me è importante. Un abbraccio grande

    Mi piace

  2. Auguri carissima! Il fatto che tu ti ponga certe domande è già un passo avanti nella consapevolezza. Mi piacerebbe leggere ancora di te e far parte, anche solo come spettatrice, di questo tuo percorso. Sii te stessa, per ora un abbraccio.

    Mi piace

  3. Tanti auguri cara, tienilo il blog, scrivi quando ti senti di farlo, le tue paure sono normalissime e l’ansia fa star male, eccome, purtroppo nessuno ne e’ immune, ti abbraccio tanto, cerca di star serena, fallo per te stessa e per chi ami, bacioni, ❤

    Mi piace

    • Laurina grazie, seguirò il tuo consiglio. Ieri ero tanto stanca e non bisognerebbe mai mettersi a pensare la notte… Oggi sono molto più positiva. Ho intenzione di venire a capo di questa cosa è determinata come sono spero di farcela non troppo in là 😉 tanti baci e buone feste.

      Mi piace

      • Vedrai che con il tempo le cose andranno per il verso giusto, devi avere un po’ di pazienza, intanto sei sana e questa e’ la cosa piu’ importante, baci tesoro, tvb, tanti auguroni, per tutto, ❤

        Liked by 1 persona

  4. Credo che tutti noi scriviamo nel blog soprattutto per noi stessi, anche se non lo usiamo come scriveremmo in un diario intimo letto poi solamente da noi. Siamo consci di essere letti da un vasto pubblico, perciò lo facciamo con pudore, con attenzione.
    Per quanto riguarda il tuo”caso”, cioè la tua famiglia “componibile”, oggigiorno simile a molte altre famiglie, credo che la tua sensibilità, la tua coscienza e il tuo senso di responsabilità verso te stessa e gli altri, ti porti a questi momenti di dubbi e di angosce, che sono normali in una persona come te, che non sei certo superficiale ed egoista.
    L’amore che c’è fra te e il tuo compagno è comprensivo di altre vite (i vostri figli e i loro rispettivi parenti) che non può essere completamente gestito da voi, perciò le difficoltà, i dubbi, le vicende diverse da come le vorreste se voi cinque foste “solo” voi cinque.
    Per il blog, se posso permettermi un consiglio, tienilo se ti è utile, se ti fa piacere, se ti può aiutare, altrimenti, per riflettere su se stessi, a tutto cuore, scrivendo tutto ciò che passa per la testa, anche ciò che non avremmo mai il coraggio di dire a voce alta, allora è meglio un diario personale e intimo, da rileggere a posteriori, per cercare di capire meglio se stessi e per mettere a fuoco le problematiche che si devono affrontare.
    Un forte abbraccio a te, a tutti i tuoi cari e l’augurio che il nuovo anno ti porti salute, serenità, amore.

    Liked by 2 people

    • Cara Neda, penso che tu abbia centrato il punto: il non essere soli a gestire le nostre cinque vite. Questo è qualcosa che anche se non ci si vuol pensare in qualche modo pesa, specialmente a me quando dall’altra parte si lanciano anatemi e cattiverie. Tanto spesso mi sono ritrovata a pensare che se vivessimo tutti insieme nella stessa città, con le stesse abitudini, routine, valori e morale, paradossalmente sarebbe tutto più facile. Ma così non può essere e quindi val la pena per me lavorare sul mio disagio. Ti abbraccio forte cara amica, e ti ringrazio ancora.

      Liked by 1 persona

  5. Carissima vorrei che tenessi il blog perché ti considero parte integrante della mia “famiglia blog”… Oltre questo lato personale … Penso che sia importante per te poter esprimere tutte le tue: paure, ansie, perplessità in un posto. Qui nessuno ti giudica, nessuno sa chi sei, quindi sfogati senza freni. Mi ricordo di un post dove avevi ansie per l’imminente vacanze tutti insieme… Ed è normale!!! Comunque anche io mi sentirei sotto pressione ad andare in vacanza con i figli del mio compagno perché avrei mille e più domande … Mi accetteranno? Sarò capace ad essere autorevole e non autoritaria? Sarò capace ad essere imparziale nel giudizio tra “mio” figlio e le “sue” figlie? Spero di leggerti ancora baci

    Mi piace

  6. Ti rinnovo gli auguri mia cara e ti scrivo che credo che i tuoi dubbi siano normali in una situazione come la tua, gli avremmo tutti al tuo posto. Persona orribile? Non credo proprio sai, perché bisogna fare i conti con le nostre tante sfaccettature, e spesso questo tira fuori delle parti di noi che forse non ci piacciono, ma anche questo va bene e meno male che accade. Come scrive anche Orchidea, qui in questo spazio non ti giudica nessuno e nessuno (a parte credo pochi) sa chi tu sia, quindi spero anch’io che tu ogni tanto venga a trovarci da queste parti e a condividere con noi la tua vita. Un abbraccio grande 😘😘😘

    Mi piace

  7. Auguri!
    Comunque non preoccuparti: a ora che ne verrai a capo, tutti i bambini saranno belli che grandi e tre mesi tutto assieme saranno un problema che non si porrà più.
    E non penso di scherzare..

    Mi piace

  8. Per esperienza penso sia impossibile per alcune persone non avere dubbi, paure e sensazioni a volte orribili. Per fare un esempio, l’altro giorno parlando con un’amica ci chiedevamo perché a volte è così difficile essere coerenti con la persona che si vorrebbe essere, rispettando sempre ad esempio i metodi educativi in cui pure si crede profondamente. A noi è capitato di chiederci se eravamo adatti, forti abbastanza, pazienti abbastanza (soprattutto all’inizio, o in certi momenti molto pesanti). E poi ovviamente di sentirci malissimo anche per questi pensieri. Per fortuna abbiamo un sostegno da parte di persone “esterne” alla famiglia (gruppi di altri genitori ecc.) che ci rassicurano sul fatto che in questo non siamo affatto soli, anzi!. Come diceva qualcuno, avere dubbi e paure probabilmente è un passo importante per potersi migliorare, chi non si pone mai una domanda non è detto che abbia per questo vita più facile o che sia più “bravo”. Certo, a volte un po’ di ansia in meno non sarebbe male… ma per quanto riguarda noi, stiamo arrivando alla conclusione che meno ci si colpevolizza per il fatto di essere ansiosi e comunque imperfetti, più l’ansia diminuisce 😀

    Liked by 1 persona

  9. P.S. Un abbraccio e tanti auguri per le festività 🙂

    Mi piace

  10. A tutti serve come analisi a buon mercato, in effetti. Raccontarsela invece non va bene, ma questo lo puoi sapere solo tu! Però non è mai tardi per cambiare strada, e lo sai.

    Mi piace

  11. Continua a scrivere…le altre amiche sopra hanno detto tutto e meglio di me. Se ti può “aiutare”, tempo fa ho letto un tuo post – avevo un marito- che credimi in quel momento mi ha confortato tantissimo. Ti abbraccio forte.

    Mi piace

  12. Finalmente ci risei! Se ti può consolare (ma già so che non può) io mi sono sentita in gabbia dopo solo dieci giorni… In tre mesi sarebbe uscita l’apocalisse. Quindi.. Non ti sottovalutare, tenere insieme tale tribù per tanto tempo, altro che sballare i valori!!!
    In tutto ciò, sono stra felice di leggere che ora stai bene. Il resto merita riflessione certamente, ma se voi due riuscite a tenere il timone insieme, il più è fatto.
    Ultima cosa: non smettere di scrivere il blog per favore.. Se no emigro ancora su blogger 😁😄 auguri e un abbraccio gtande

    Mi piace

  13. Io ho una mamma che ha fatto sempre la casalinga e i miei genitori tra un paio d’anni festeggeranno 50 di matrimonio. Non ho avuto modelli di riferimento per come gestire una famiglia lavorando. Non ho modelli per come gestire una famiglia da sola. E’ evidente che si va avanti provando. A volte si azzecca e si procede. A volte no e si ritenta. Tu stai ad un livello superiore del gioco: nuovo amore con prole e nessuno che ti sa spiegare come si fa. Io scommetto che ce la farai. Non perché ho imparato a volerti bene ma perché tu sei una che ci mette tutta se stessa. Che non si accontenta del va benino. Punta al benissimo. Consiglio non richiesto? Prendi tutto con più leggerezza.Concediti un po’ di superficialità. Te le puoi permettere, credimi. Un abbraccio e tanti auguri Chiara!

    Mi piace

  14. Ti fa onore il voler affrontare la tua ansia di fuga anche, se non capisco male, per amore di chi divide la tua vita, perché molte persone invece preferiscono troncare la situazione ansiogena, sia che derivi da una sensazione tutta interiore di inadeguatezza sia da altro, anziché indagarla.
    Mettendo in relazione questo post con il precedente si legge una gran voglia di intimità a due col tuo uomo come coppia libera e senza (troppo) piccoli da crescere, quindi necessariamente un’ambivalenza nei confronti di questa famiglia logisticamente complicata e senz’altro ancora molto dipendente e presente nella vita autonoma dei genitori. Se poi questo sentimento ti faccia sentire in colpa benché sia molto comune, tu sola puoi saperlo. Certo la faccenda dei valori, se la spiegazione è quella che ne dài, fa pensare. Come pure l’idea di voler chiudere il blog, un’apertura al mondo sulla famiglia in questione: nel bene e potenzialmente anche nel male.

    Mi piace

    • Cara pellegrina, bentornata e grazie per il commento come sempre. Purtroppo non ci conosciamo e penso che sia difficile per chiunque non mi conosca personalmente, e anche piuttosto bene e in modo profondo, capire cosa provo. Io amo profondamente non solo il mio uomo, ma anche tutti i nostri bambini. Ho desiderio di fare delle cose sola con lui, come con tutti quanti. Per il resto, come mi ha scritto la saggia Maru quassù… Devo solo prenderla con più leggerezza. 🙂 un abbraccio

      Mi piace

      • Ovvio che non ci conosciamo e quindi è difficile, ma che tu provi amore per loro è evidente. Ho parlato di ambivalenza che traspare alla lettura, non di mancanza d’amore! Buon anno.

        Mi piace

  15. Maru cara, che dire? Mi conosci meglio di tante amiche, meglio di mia sorella, perché hai capito perfettamente tutto di me. Hai ragione. Più leggerezza, meno ricerca della perfezione, non ha davvero senso. Grazie di cuore, mi hai fatta sorridere e ritrovare il filo del ragionamento che si era confuso nei mesi scorsi. Un bacione e grazie ancora!

    Mi piace

  16. Carissima Chiara,
    sono riemersa dalla mia lunga pausa ed eccomi qui a salutare un’amica, perché tale ti considero. Leggo le domande che fai a te stessa ma che, intrevedo, contengono già una risposta. Sei una donna forte, sai ciò che vuoi e i tentennamenti fanno parte della vita di tutti. Chi non ne ha è uno sciocco che non pensa e che solo apparentemente sembra vivere meglio. Perciò, dai! Quando hai tempo e desiderio metterai nero su bianco le tue emozioni e i racconti della vostra quotidianità, se lo riterrari opportuno.
    Ti lascio un augurio di tante cose belle per questo nuovo anno, che sia come lo desideri.
    Un abbraccio grande
    Primula

    Mi piace

  17. Ciao carissima, arrivo in ritardo per gli auguri di buon anno!!! Mi ero persa il tuo post e oggi sono passata a “trovarti” ed ecco che leggo dei tuoi dubbi e delle tue paure di donna, mamma, compagna…Credo che tu sia tutt’altro che un’orribile persona, piuttosto una donna profonda che va sempre a fondo nei suoi affetti! Non so cosa deciderai di fare del tuo blog, ma mi auguro di cuore che continuerai a scrivere per te e per chi ti legge, si è affezionata a te e ti ammira, un abbraccio grandissimo…Che sia un 2016 di consapevolezza, di vita vera e serenità 😘

    Mi piace

    • Ecco, ho letto adesso il tuo commento, scusami! Ti ringrazio e ricambio gli auguri, di cuore. Non smetterò di scrivere, sto capendo che le mie paure e le mie contraddizioni sono semplicemente ‘umane’, devo prendere tutto con un po’ più di leggerezza. Spero di imparare presto. un forte abbraccio e un augurio di tanta tanta felicità per questo nuovo anno. ❤

      Liked by 1 persona

  18. ciao! ecco l’altro post che avevo perso… lo leggo dopo l’altro in cui capisco che va meglio…
    non so se ricordi che siamo piu o meno colleghe di situazione e famiglia allargata…
    guarda che è normalissimo avere dubbi e paure. in tutti i “tipi” di famiglia… e il fatto di farsi queste domande secondo me aiuta ed è ricercare una consapevolezza…
    io ho situazione diversa ancora, perchè le figlie del mio compagno ora vivono con noi… ma all’inizio mi sono fatta mille domande…
    bacini!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...