Ciclotimia genitoriale

Sono due mesi che per nostra scelta, sia logistica, sia economica, sia, forse, semplicemente egoistica, ci vediamo solo io e lui.
Meno spesso a causa del lavoro di entrambi, di orari dei voli non proprio favorevoli, ma rigorosamente in due.
Tanto i bambini neanche ci fanno caso”, abbiamo pensato. “Stiamo soli ché siamo stanchi, questo inverno è pesante fra malattie, gessi e rotture varie, i bambini alla fine hanno la loro vita, la scuola, gli amici, le mille attività, si rivedranno ormai a fine aprile e poi d’estate.”
Certo, è capitato che venisse lui durante la settimana da me o che durante un giorno del mio week-end al sud prendessimo le bambine per un pomeriggio al cinema o per una pizza, e la famiglia si ricomponesse in parte, ma di base siamo stati parecchio e piacevolmente da soli.
Nell’ultima settimana, però “Indoviva chi viene lunedì? Marco! sei contento?”
Ma con le bambine?”
Ehm, no, però sta con noi cinque giorni, lo avrai tutto per te
Uffa. Io volevo le bambine.”
Questo fine settimana ero io nell’amato mio sud, in cui quest’anno la primavera stenta ad arrivare nonostante sia tutto una stupenda fioritura, e avevamo programmato sabato di portare le bimbe a vedere il film di Cenerentola, per altro bellissimo (io e lui commossi con lacrima, loro a ridacchiare) il resto del week-end da soli. Marco è andato a prenderle e io sono rimasta a casa ad aspettarli.
Bimbe mettetevi dietro
Perché dietro? Io voglio stare davanti!”
Perché c’è Chiara.
 Visetti speranzosi
Ma c’è anche Pietro?”
Eh, no
Ma uffa” sguardi delusi e occhi al cielo.
E poi la piccina che si vuole sedere accanto a me, che davo per scontato volesse stare accanto al padre (ogni volta erano le vere lotte con la sorella, ovunque: a tavola, a teatro, in aereo, in pullman, persino nei prati), sempre lei che gli chiede nell’orecchio  perché devo rimanere a casa quando lui le riaccompagna dalla madre. Io la sento bisbigliare e domando incuriosita: “Che dite?”
Il padre mi riferisce e chiedo alla piccina: “Vuoi che venga con voi a riaccompagnarvi?”
.” Sorriso timido.
La grande che per la festa del papà ha fatto a Marco un segnalibro con ritagliate le foto di loro tre bambini (il mio compreso) e unite con del filo, in modo da poter segnare tre pagine invece che una.
Noi stupiti e increduli. Felici, tanto.
Abbiamo così passato la domenica a far biglietti aerei e programmare riunificazioni: Pasqua tutti insieme a Roma, metà aprile al Sud, metà maggio sempre Sud con anche i miei genitori e pulmino 7 posti per girare il più possibile e senza noia (i bimbi impazziranno!) e aspetto con ansia la prossima estate per stare più tempo possibile insieme.
Ebbene sì: la disintossicazione da troppi figli si è compiuta.
IMG_4019
Annunci

39 pensieri su “Ciclotimia genitoriale

  1. Sapessi quanto mi piace questo post!!!!

    Mi piace

  2. I bimbi non perdonano, se li tagli fuori! 😀

    Mi piace

  3. È una cosa positiva questa mancanza fra loro… Avete fatto bene a prendervi del tempo per voi, come coppia, per di più a distanza, tra figli e varie, ne avere ben poco 🙂

    Mi piace

  4. Che bel post! E quanti spostamenti in programma… Possiamo venire anche noi visto che ormai siamo abituati a queste cose? 😉😉😘😘😘 Bacioni

    Mi piace

  5. I bimbi sono speciali e “sentono” sempre tutto. Sempre un piacere leggere in voi un equilibro mai facile da trovare

    Mi piace

  6. Anche noi Pasqua a Roma e in alcune delle situazioni che racconti così bene… ti leggo con attenzione.

    Mi piace

  7. Io te l’ho gia’ detto ma siete fantastici, non e’ semplice l’insieme di tutte queste cose ma voi ci riuscite cosi’ bene che i bambini stanno benissimo, vivono in armonia con voi, loro sono favolosi ma e’ grazie a voi che rendete tutto cosi’ bello, vorrei vederti nel pulmino, 😀 😀 baci tesoro, passa una bellissima serata, con affetto, Laura, ❤

    Mi piace

  8. Meravigliosi come sempre. Te, i bambini… tutta la famiglia, nonché i viaggi!

    Mi piace

  9. Questo post piace assai anche a me! 🙂

    Mi piace

  10. Mio zio con le sue 7 ex mogli tutte dimostratesi fertili anzi plurifertili avrebbe bisogno di un bus da patente D

    Mi piace

  11. Non so.. Sono tanto contenta e anche un po’ commossa. Come se riguardasse me. Buona giornata 😘

    Mi piace

  12. siete troppo belli !!

    Mi piace

  13. beh credo che sia più che giusto potersi ritagliare un pò di tempo..altrimenti si perdono tanti equilibri per strada…
    Un SANO egoismo di tanto in tanto ci vuole..credimi!!…alla fine ne giovano tutti
    Buona domenica 🙂

    Mi piace

  14. Voi siete il mio miraggio! Sono felice, bellissimo post che piace anche a me. ❤

    Mi piace

  15. Sapessi quanto vorrei ripensare ad essere il pezzo di unafamiglia!

    Mi piace

  16. Quante volte vi ho scritto che siete fantastici? Che amo la serenità che traspare dai resoconti delle vostre giornate, da post come questo che fa riflettere, e non poco, su come l’amore vero possa superare qualunque ostacolo se “insieme” – e non come pura e semplice parola – sintetizza il tutto?
    Un abbraccio grande grande :*
    Primula

    Mi piace

  17. Ma figurarsi se a loro non importava!

    Avete avuto un’ottima idea a stare un po’ per i fatti vostri però, così adesso sarete tutti più contenti di stare insieme, prole compresa!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...